Acqua: quanta acqua, quando?


Acqua: quanta acqua, quando?

In Questo Articolo:

Una buona annaffiatura, ben dosata secondo la stagione, lo stato vegetativo della pianta e il clima, è essenziale per riuscire le sue piante e non per sprecare l'acqua.

Acqua con pioggia fine - F. Marre - EsdemGarden - Giardino Hubert Fontaine

Quando innaffiare e quanto?

Quando raccogli la carota, noti che è divisa. Ha sofferto di una mancanza d'acqua per alcuni giorni, seguita da pioggia o irrigazione che ha causato lo scoppio dei tessuti. Questo esempio illustra l'importanza di un buon dosaggio. Quindi, un eccesso di acqua provoca malattie e favorisce attacchi di parassiti, o dà verdure insipide all'orto. Al contrario, la mancanza di acqua altera la buona crescita della pianta: Guarda per i segni di disidratazione (Le foglie si accartocciano sulla pianta di pomodoro, ad esempio) e sempre l'acqua al mattino o alla fine della giornata per evitare l'evaporazione il più possibile.
Se ogni pianta ha requisiti specifici di irrigazione, ci sono diversi fattori comuni da considerare quando si determina la quantità di acqua da fornire e quanto spesso:
  • Lo stato vegetativo della pianta: è più avido al momento della semina o della semina di quando ha raggiunto la piena crescita.
  • La stagione (La primavera richiede tradizionalmente più acqua, anche se l'irrigazione non deve essere dimenticata in inverno).
  • se il tempo è particolarmente secco

Con che acqua?

  • Acqua di rubinetto: di buona qualità, anche se spesso calcareo e leggermente clorurato.
  • L'acqua piovana: di ottima qualità, è a temperatura ambiente. Questa è la migliore acqua di irrigazione, quindi è interessante sviluppare un sistema di recupero dell'acqua piovana (raccoglitore d'acqua, serbatoio, recuperatore...). La quantità da recuperare dipende dalla tua regione.
  • Acqua superficiale: l'acqua di fiumi, laghi, corsi d'acqua... La sua qualità è variabile e si consiglia di analizzarla. Attenzione, il suo campionamento può essere soggetto a regolamentazione.
  • Le acque souteraines: acqua proveniente da acque sotterranee, fonte o pozzo. È di qualità varia e spesso molto fredda. Quindi prova a riporlo prima di usarlo per non imporre una "doccia" troppo fredda alle tue piante.

Come innaffiare?

Nel giardino, ci sono diversi metodi di irrigazione: con l'annaffiatoio tradizionale o tubo, gocciolare, con un tubo microporoso, con l'asperzione... Adattare il metodo in base al luogo (giardino di ornamento, orto, terrazza... ), la stagione e lo stato vegetativo della pianta.
In casa, pensa anche all'annaffiatura di piante da interno, soprattutto in inverno.

Promuovere il risparmio idrico

È possibile limitare l'irrigazione al massimo favorendo specie adattate al suolo e al clima della propria regione o scegliendo piante che consumano meno acqua.
Inoltre, molte azioni (come pacciamatura, zappatura...) fatte al momento giusto possono risparmiare acqua, soprattutto quando il clima è siccitoso.

Articoli Correlati Video: Quanta acqua bere a seconda del peso.


Articoli Consigliati
  • Pastinaca
  • Posso piantare l'aglio dopo lo scalogno?
  • Perché usare una trappola a feromoni nei meli?
  • Quali alberi scegliere per cesti, guardiani, capanne e recinti?
  • Come segnalare le talee trovate durante un viaggio?
  • Le piante di actinidia dovrebbero essere protette dal freddo?
  • Le virtù dell'avena in tutte le sue forme
I Più Visitati Della Categoria
Aggiungi Un Commento