Raccogli e conserva gli aromatici

Per sfruttare al meglio i sapori delle erbe è importante guardare dopo la raccolta e la conservazione: intervenire al momento giusto, mantenerlo nelle migliori condizioni possibili... Ecco una guida che vi permetterà di sapore le vostre ricette per tutto l'anno.

Raccogli e conserva gli aromatici

In Questo Articolo:

Qual è il momento ideale per la raccolta delle piante aromatiche?

Mazzi di erbe aromatiche - essiccazione

Alla domanda "quando dovremmo scegliere una pianta aromatica? Non c'è una risposta. In effetti, ci sono diversi criteri da tenere in considerazione. E la prima delle regole è di procedere con il bel tempo, quando le ultime tracce di rugiada sono evaporate e prima che il sole abbia riscaldato troppo l'atmosfera.

Annuale, biennale o perenne

  • Dill, basilico, il cerfoglio, coriandolo, il lino, il cumino, prezzemolo, rucola... sono piante annuali; sono seminate ogni anno e vengono raccolte nell'anno.
  • biennali Picking (paludi dolore, cumino, prezzemolo...) avviene in due fasi: le foglie sono raccolte durante il primo anno (dolore, cumino, prezzemolo) mentre le radici (mal) e semi ( carvi) vengono raccolte nel secondo anno.
  • Per quanto riguarda i perenni (erba cipollina, erba cipollina, dragoncello, lavanda, alloro, levistico, menta, acetosa, rafano, rosmarino, santoreggia, salvia, timo, verbena dolcificante...), la raccolta inizia dal momento in cui la pianta è abbastanza forte per supportare i campioni. Di solito ci vuole almeno un anno di cultura.

Foglie, fiori, semi o radici

Raccolta di erbe aromatiche

A seconda della porzione consumata, la stagione di raccolta varia. La regola generale è che si sceglie le foglie di piante decidue (foglie tenere), se possibile, prima della comparsa della fioritura, mentre le foglie di piante sempreverdi possono essere raccolte durante tutto l'anno (rosmarino, timo...).

  • I fiori vengono raccolti all'inizio della fioritura (quando si apre il pulsante).
  • I semi sono raccolti alla maturità quando sono asciutti alla fine dell'estate. Agitare leggermente la pianta; se i semi cadono, è il momento giusto.
  • Le radici vengono scavate in autunno (a volte in primavera, il gusto è poi meno pronunciato), prima che i gambi svaniscano.

Con l'esperienza, il gesto diventa più raffinato o più esigente; saprai quando la fragranza di un fiore è più sottile e il sapore di una foglia è più pronunciato. Così, il momento migliore per tagliare le piante le cui foglie sono da conservare (essiccazione, oli, aceti...) come melissa, timo o verbena, si trova appena prima che i fiori aperti: le foglie sono più sorso di oli essenziali.

Conservazione: il passaggio delicato

Dopo aver preso attentamente la parte o le parti della pianta che si desidera utilizzare, o si consumano fresche, e in questo caso lo si deve fare in fretta, non pregiudica il loro gusto o li condizione per la loro conservazione.

fogliame

Basilc spogliato e asciugato

Basilico spogliato

Le foglie possono essere essiccate o congelate. Il congelamento è veloce ma sfuma la pianta.
L'essiccazione è più restrittiva ma esalta il gusto: infatti, se evacua l'acqua contenuta nelle foglie, mantiene gli oli essenziali. Le foglie meno delicate (salvia, origano, maggiorana, rosmarino...) possono essiccare sui gambi. Per gli altri, rimuovere la pianta quando è fresca. Installare le foglie o steli con foglie su rack (telai in legno coperti rete da pesca o mussola) e mescolare di tanto in tanto per accelerare il processo di essiccazione. I fusti frondosi possono essere raccolti in mazzi e sospesi su un filo, capovolti.
È anche possibile conservare alcune foglie tenere in olio d'oliva, come aglio selvatico, dragoncello o basilico (con sale grosso). La pentola deve quindi rimanere fresca in frigorifero.

I fiori

Essiccazione su scaffali di erbe

Essiccazione su scaffali di erbe

I fiori, come il nasturzio, la borragine, l'erba cipollina, il coriandolo o il finocchio, vengono utilizzati principalmente come spezie quando sono freschi. Tuttavia, lavanda e bacche possono essere essiccate allo stesso modo delle foglie essiccate: su steli o teste tagliate.

Per leggere anche:

  • I fiori cristallizzati
  • Semina il buono da mangiare!

I semi

Prima di tutto, è necessario pulire i semi, vale a dire sbarazzarli dei loro peduncoli se sono ancora attaccati (coriandolo) e talvolta della loro busta (seme di lino). Quindi lasciare i semi per alcuni giorni all'aperto, per terminare l'asciugatura.

Le radici

Prima di essere conservati, le radici delle piante (rafano, finocchio alpino) devono essere spazzolate e lavate, per rimuovere ogni traccia di terra. Vengono quindi tagliati per facilitare l'asciugatura su un rack.

essiccazione

Camomilla - Fiori secchi

Camomilla - Fiori secchi

Il sapore delle piante aromatiche può essere conservato in olio, aceto o zucchero: si ottengono poi prodotti aromatizzati che userete successivamente in cucina (olio aromatizzato all'olio di timo, aceto di fiori all'erba cipollina, violette di zucchero...).
Tuttavia, a parte questo tipo di preparazione, l'essiccazione (e il congelamento delle foglie) è spesso l'unico modo per utilizzare le piante aromatiche, così com'è, fuori stagione. Per preservare al meglio le qualità delle piante, ecco alcune regole da rispettare:

  • L'asciugatura viene effettuata in un ambiente caldo, buio, asciutto e ventilato, come una soffitta non isolata;
  • Una volta essiccate, le piante aromatiche dovrebbero essere tenute lontano dalla luce e dall'umidità. L'ideale è un barattolo di vetro affumicato. Molto spesso vengono utilizzati anche sacchetti di carta Kraft.

Per leggere anche:

  • Spezie in giardino
  • I diversi mezzi di conservazione
  • Perché alcune piante sono aromatiche?
  • Taglia gli aromatici
  • Quali piante si nascondono dietro le nostre spezie?
  • Pepe di Sichuan
  • Come conservare i funghi?

Articoli Correlati Video: Le piante aromatiche: salvia e menta.


Articoli Consigliati
  • Verdure crude per mantenere la linea

    Texture, colori, sapori, crudità moltiplicano le possibilità per mantenere la linea con piacere; basta sapere come sistemarli per variare i piatti all'infinito.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 13635 +Video
  • Salici

    Tra le molte specie e varietà di salici, quali piantare in giardino? Selezione di salici decorativi e consigli di coltivazione.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 10305 +Video
  • Tagliare un ramo con una sega

    La dimensione degli alberi richiede l'uso di una sega a mano per tagliare i rami. Come fare una taglia corretta in modo sicuro?Ulteriormente

    Visualizzazioni: 9099 +Video
  • Il giardino di Balata in Martinica (97)

    A circa dieci chilometri da fort de france in martinica, il giardino di balata popolato da circa 3000 specie di piante tropicali è un must per gli appassionati di giardinieri in fuga nei tropici.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 13104 +Video
  • La fruttificazione dell'ulivo

    Essendo in grado di vivere diversi secoli, l'ulivo è molto spesso usato nei nostri giardini per scopi ornamentali. Tuttavia, padroneggiando le basi della sua fruttificazione, sarà abbastanza possibile raccogliere olive da tavola o addirittura produrre olio.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 13056 +Video
  • Impollinazione del melo

    Tabella di impollinazione incrociata delle principali varietà di meli.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 9803 +Video
  • Jiaogulan, Gynostemma pentaphyllum

    Suggerimenti per coltivare jiaogulan, o gynostemma pentaphyllum, la pianta dell'immortalità; raccolta di foglie e uso medicinale.Ulteriormente

    Visualizzazioni: 575 +Video
  • Fioritura di un balcone soleggiato o terrazza
  • Graptopetalum
  • Come seminare insalate sul posto?
  • Fiori o brattee?
  • Malattie delle rose
  • Foglia di rubarbe diserbante
  • I benefici degli spinaci
I Più Visitati Della Categoria
Aggiungi Un Commento
La Maggior Parte Degli Articoli Commentati