Carbone alato (Euonymus alatus)


Carbone alato (Euonymus alatus)

In Questo Articolo:

Originario del Giappone e della Cina, questi arbusti della famiglia dei Celastraceae daranno colore alle tue siepi.

Carbone alato (Euonymus alatus)

Foglio di cultura

famiglia: Celastraceae.
dimensioni: Questo carbone di legna mantiene una dimensione ragionevole a seconda della varietà. La sua altezza, come la sua larghezza, non supera i 2 m.
Distanza e profondità della piantagione: a seconda della stagione, le piante vengono fornite in contenitori o con radici nude. Rispettare il livello del colletto durante la semina. Per uno sviluppo armonioso, spazio i tuoi carboncini alati di 1 m. Rispetta lo stesso spazio con altre piante, specialmente se il fogliame è opposto.
crescitaÈ lento, la dimensione degli adulti non sarà raggiunta fino a dopo venti anni.
aspetto: la porta è svasata, alcuni steli robusti potrebbero andare bene. I rami sono notevoli, sono dotati di pinne di sughero, da cui il nome di carbone alato. Le foglie sono piuttosto piccole, di un bel verde scuro lucido, e prendono bellissimi colori autunnali che vanno dal giallo al rosso passando per l'arancione.
fioritura: è discreto e non è l'interesse principale di questo arbusto. Di colore verdastro, interviene in piena primavera.
fruttificazione: è molto decorativo. Piccoli frutti rossi o viola da 1 cm di diametro sono usati nei mazzi di fiori.
terraSono tutti d'accordo, tuttavia, è in una terra ricca e fresca che le ali saranno le più numerose.
esposizione: al sole o in ombra parziale.
clima: Il carbone di legna alato può essere coltivato in quasi tutte le nostre regioni, di solito resiste a temperature di -15° C.
resistenza: niente parassiti o malattie speciali.

origine

Questa specie di carbone è originaria del Giappone e della Cina. La sua introduzione in Europa risale al 1860. Fu solo nel 1984 che i carboncini furono finalmente riconosciuti per le loro qualità decorative e premiati in molte mostre. Il nome del genere deriva dal latino Evonyme, la madre delle Furie, a causa degli effetti deleteri delle sue bacche. Il nome della specie, alatus, si riferisce alle escrescenze di sughero che si verificano sui giovani germogli. Abbastanza raro, il carbone alato trarrebbe vantaggio dall'essere più diffuso.

Specie e varietà

Il più comune è il tipo di specie. I vivaisti propongono anche una varietà: Euonymus alatus 'Compactus', interessante per il suo porto particolarmente compatto e le sue piccole dimensioni (1 m). È utile nelle piccole siepi per la sua apparenza autunnale dell'effetto più bello.

Associazioni e usi

Questi arbusti possono essere usati nelle siepi, che saranno animati dai loro brillanti colori autunnali. I soggetti adulti, con un'abitudine arrotondata, vanno dal verde scuro, leggermente bronzo al porpora brillante, scarlatto, rosso ciliegia e rosa. In isolato, un piccolo gruppo attrae l'occhio e dà profondità al giardino. Gioca contrasti sposando loro di cératostigmas plumbaginoides, finocchio bronzo, di crespino, variegato di agrifoglio, rovi Tibet o Caryopteris. Una volta che le piante sono ben installate, puoi usare alcuni rami per adornare i tuoi bouquet, ma con moderazione perché le riprese sono lente.

cultura

A parte la crescita lenta, la coltivazione di questi arbusti non presenta alcuna difficoltà. La colorazione autunnale sarà più o meno marcata a seconda della luminosità. Per quanto riguarda il terreno, non ci sono requisiti particolari, qualsiasi terreno da giardino buono è adatto per carboncino, ma ne sarete sicuri
alla sua freschezza e ricchezza. Il calcare non è controindicato, inoltre tende a rafforzare i colori autunnali. Nei grandi giardini, pianta diverse piante per consentire l'impollinazione incrociata e una maggiore fruttificazione.

manutenzione

Evita le taglie, non sono necessarie, tuttavia puoi pizzicare le piantine per incoraggiare la ramificazione. Portare il fertilizzante due volte all'anno, all'inizio della primavera e all'inizio dell'autunno. In caso di siccità, fare un po 'd'irrigazione per mantenere un bel fogliame.

moltiplicazione

Il metodo più semplice è talee. In agosto e settembre, prendi i rami laterali delle talee con un tacco di circa dieci centimetri di lunghezza. Piantali in una miscela di sabbia e torba, preferibilmente sotto una cornice fredda. Una volta assicurata la guarigione, in primavera, metterli in vivaio, la piantagione interverrà l'anno successivo. Anche la semina è possibile, ma la germinazione è molto lunga (diciotto mesi) e il tasso di successo è piuttosto basso.

Articoli Correlati Video: .


Articoli Consigliati
  • Quali varietà di palma di alloro, che non superano i 2 m di altezza, si piantano in una siepe in un piccolo giardino?
  • Formazione di un gambo fucsia: punte da giardinaggio
  • Come mantenere Catalpa?
  • I brufoli dei miei rododendri si seccano. Cosa fare?
  • Il mio thuja brunisce e muore. Cosa fare?
  • Nonostante gli inverni deboli, non posso mantenere la verbena della mia citronella. Dimensioni e protezione in inverno non cambiano nulla. Cosa dovrei fare?
  • Nonostante il ferro e il fertilizzante per le piante di erica, le mie camelie in vaso producono brufoli, ma niente fiori. Cosa fare?
I Più Visitati Della Categoria
Aggiungi Un Commento